lunedì 5 marzo 2012

Fontanellato



Ieri una giornata… in gita. 
Meta: Fontnellato, insieme agli amici Mammagiramondo, Babbogiramondo, e il piccolo AJ che i miei figli non vedevano l’ora di vedere, insieme al suo Charlie.
Un paese nuovo, mai visto prima, e onestamente da me neanche tanto conosciuto. Ho scoperto, invece, un bellissimo paesino: caratteristico, tranquillo fino al punto da sembrare a tratti quasi surreale, una piazza in cui i bambini hanno potuto giocare a nascondino correndo da un angolo all’altro senza la preoccupazione continua di una macchina.
E una Rocca centrale, la Rocca Sanvitale: uno spettacolo particolarmente suggestivo la sera, completamente illuminata, insieme al suo grande fossato.  
Un’idea carinissima quella Rocca, di organizzare al suo interno una sorta di piccolo gioco di ruolo per bambini: un furto della preziosa collana di perle della proprietaria del “castello”, che chiede il l’intervento di Sherlock Holmes e del suo fedele Watson, insieme ai loro piccoli aiutanti, per trovare il colpevole e ritrovare la collana. Una location fantastica quella della Rocca, che internamente è meravigliosa, arredata con mobili e oggetti antichi, con la sua sala affrescata dal Parmigianino, e che si presta alla perfezione per questo gioco. Realistici anche i personaggi che si aggiravano per le stanze: la proprietaria Francesca, il marito, l’elegante cugina, la povera cameriera che si aggirava spolverando a destra e a manca, e via dicendo.
Alla fine, seguiti tutti gli indizi e individuato il colpevole, una merenda per tutti: una bellissima torta glassata al cioccolato con disegnato sopra l’immancabile Sherlock.
Peccato però per l’organizzazione in genere. Decisamente troppi i bambini: una cinquantina, seguiti dai genitori. Davvero troppi perché potessero seguire e soprattutto partecipare al gioco, che di fatto è stato svolto dai tre o quattro che per altezza spiccavano nel gruppo e che riuscivano chiaramente così ad accaparrarsi i posti migliori e a svolgere i giochi in maniera attiva. Quella degli animatori era più che altro una “corsa” al mantenere in ordine e in fila i bambini, o a riuscire a passare in mezzo alla piccola folla per spostarsi da una parte all’altra delle stanze, più che un preoccuparsi di farli partecipare al gioco. Poco collaborativi anche, Sherlock e il suo Watson, a risolvere i piccoli problemi dei bambini rimasti un po’ delusi: il mio più piccolo, ad esempio, ha afferrato una caramella un paio di secondi prima del via libera dato alla merenda, ed è stato invitato a riavvolgere la caramella nella sua carta e rimetterla dov’era.
Al di là di questo, comunque, sarebbe bastato un numero più esiguo di bambini, una quindicina in tutto al massimo, perché tutti potessero partecipare, compresi i più piccoli.
Sconsiglio comunque questa esperienza, che sul sito della Rocca viene consigliata per i 5-10 anni, ai più piccolini: 8-9 anni erano il minimo sindacale, in quella bolgia, perché un bambino riuscisse a non farsi spintonare a destra e a manca e a divertirsi: non mi è capitato di incrociare, in tutta onestà, lo sguardo di uno dei bambini soddisfatti.
Un vero peccato, appunto, perché idea, scenografia e location meritavano, a mio parere, qualche cosa in più.
Meritevole, invece, la Locanda Nazionale poco fuori dalle mura, con il suo misto tra cucina napoletana e cucina locale, e i suoi scialatielli freschissimi a davvero ottimi.



Grazie, quindi, a Mammagiramondo, per l'idea e per la compagnia. ;)









12 commenti:

Mammagiramondo. ha detto...

Grazie a te carissima Cate, ti ho già detto quanto sia sempre un piacere rincontrarvi. Per l'evento in Rocca mi dispiace davvero, non me lo immaginavo. Nel post hai colto esattamente quello che è anche il mio pensiero! Un abbraccio a tutta la famiglia e in particolare ai tuoi due gioielli!<3<3<3

Luis ha detto...

Aaaa Fontanellato, quando mio figlio era piccolo ci eravamo stati due o tre volte. Sì, non e' male, avevamo visitato il castello, in ottimo stato, tutto circondto dall'acqua, in tempo di guerra aveva ospitato il Comando tedesco.
Ricordo un locale non male, chissa' se c'e' ancora, nella piazza alla destra della rocca.
Nei pressi del paese c'e' anche un santuario abbastanza conosciuto.

Luis ha detto...

P.s.
..... In quel di Parma si mangia bene quasi da tutte le parti... e tu come vedo sei sempre una buongustaia! ;-)

Farah ha detto...

E cmq...c'e' da fare i complimenti agli organizzatori, l idea e' veramente ottima, forse devono solo rivederla un po' in modo da rendere piacevole e divertente la cosa sia a grandi che piccini. Mi sarebbe piaciuto esserci :)

wonderwoman ha detto...

Giornata perfetta direi..

happysummer ha detto...

E' fondamentale suddividere in modo giusto le fasce d'età, altrimenti i bambini troppo piccoli sono inevitabilmente tagliati fuori gioco e risentono molto della delusione.

Twins(bi)mamma ha detto...

che bella gita, peccato per l'organizzazione a volte non è facile realizzare le belle idee. CHissà prima o poi una visita in quei posti li organizzerò anche io...intanto vado in giro per castelli nei dintorni di Roma...ti seguirò ..piacere di averti conosciuta tramite mammagiramondo...

caterina ha detto...

Benvenuta a te! ;)

Spider-Ci ha detto...

Wow ! Bellissime foto !!! ;-)

Buon inizio settimana !

Anonimo ha detto...

CIAO Caterina! Tutto bene?
Buon weekend!
Annamaria-pamp

Anonimo ha detto...

Spero di riuscire ad inserire il commento...
Ciao Caterina, l'ultima volta ci siamo "incrociate" su iobloggo, di sfuggita... spero tanto che tu stia bene, e che ritrovi una qualche motivazione per ricominciare a scrivere...
Per ora non posso fare altro che lasciarti un grande abbraccio!
Donatella
Drago Sognatore

Anonimo ha detto...

Eeeee Drago Sognatore la ga' rajioun!!
Quando ritorni a scrivere?
Baciau
Luisss

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...